Volare durante il Covid-19

Volare in aeroplano ai tempi del Covid-19 diventa un fatto quasi nuovo a cui approcciarsi. Ovviamente perché richiede alcuni accorgimenti da adottare, anche con stretto rigore per seguire dei rigidi parametri di sicurezza sanitaria. Lo ha puntualizzato Alitalia, ma come la nostra compagnia di bandiera, anche le altre aziende volanti si rifanno a utili regole e informazioni.
Aeromobile Boeing 787 Dreamliner in volo

IN AEROPORTO – In alcuni aeroporti, al fine di rispettare le disposizioni delle Autorità Sanitarie locali, ai passeggeri potrà essere misurata la temperatura corporea prima dell’imbarco. Nel caso di un valore della temperatura superiore a quello stabilito dalla normativa (solitamente 37,5° C) potrà essere annullata la partenza, o nel caso di motivazioni plausibili venire richiesta una specifica certificazione medica. La misurazione della temperatura è prevista anche allo scalo di destinazione finale sul territorio italiano e potrà avvenire tramite termoscanner.

Per mantenere il distanziamento sociale ai passeggeri è richiesto, dove possibile, di effettuare il web check-in oppure di utilizzare i chioschi del fast check-in in aeroporto. Durante tutte le operazioni in aeroporto (check-in, transito, imbarco, sbarco, ritiro bagagli, controlli di sicurezza, ecc) è necessario mantenere sempre la distanza di sicurezza di almeno un metro. È consigliato di indossare una mascherina protettiva fin dal proprio arrivo in aerostazione.

Le aree aeroportuali vengono sanificate e igienizzate anche più volte al giorno. Operazioni svolte da parte degli Enti Aeroportuali, per le zone comuni, o dalla Compagnia di volo nelle aree dedicate.

Ordine e controllo. Lounges chiuse con eccezioni

L’imbarco per prendere il volo sarà effettuato dando preferenza, se possibile, al jet-bridge (il ponte tunnel di accesso). Nel caso debba invece essere utilizzata una navetta è previsto un limite massimo di passeggeri. In entrambi i casi si dovrà indossare sempre la mascherina e mantenere la distanza interpersonale di un metro.

Nel caso delle sale di attesa “vip”, chi è abituato a frequentarle per un po’ di tempo ci dovrà rinunciare, il che vale per la grande maggioranza delle compagnie. Questione di sicurezza anti Covid. Alitalia nella fattispecie ha fatto sapere che tutte le lounges Casa Alitalia sono state temporaneamente chiuse.

Curiosità: per gli aventi diritto di accesso a Roma Fiumicino e a New York, è prevista la possibilità di ritirare, in fase di accettazione, un voucher consumazione da utilizzare presso dei selezionati punti ristoro.

Per tutti i voli di ingresso in Italia, Alitalia ricorda anche che è necessario presentare al momento dell’imbarco e al controllo dei passaporti in arrivo il modulo di autocertificazione già compilata e in duplice copia. Scarica qui il modulo previsto per i voli Alitalia. Finche tale disposizione permane, la mancata compilazione del modulo in tutti i campi richiesti o la presenza di dichiarazioni non conformi potrà comportare il divieto di imbarco.

Airbus A330 Alitalia in fase di decollo
IN VOLO

In ottemperanza alle vigenti disposizioni delle Autorità Sanitarie Nazionali, le compagnie (e Alitalia lo specifica chiaramente) prevedono alcuni accorgimenti per evitare il più possibile contatti tra i passeggeri. Vediamo nello specifico. La distanza interpersonale di almeno un metro è garantita sui voli in ingresso in Italia lasciando liberi i posti accanto.

Sugli altri voli la capacità massima dell’aeromobile è comunque generalmente ridotta in modo da agevolare quanto possibile la distribuzione delle persone a bordo. Se si vola con la propria famiglia si può richiedere, in fase di accettazione, di viaggiare accanto ai propri “congiunti”. E’ permessa la vicinanza in caso di presenza di un minore.

In voli come quelli di Alitalia è obbligatorio indossare una mascherina di protezione. Nel caso se ne fosse sprovvisti ne verrà fornita una di cortesia. Alitalia ci ha tenuto a specificare che l’eventuale mascherina fornita viene messa a disposizione dalla Protezione Civile.

Il servizio di bordo viene limitato per ridurre al minimo il passaggio e lo stazionamento in cabina del personale di volo. Cibo e bevande saranno forniti con attenzione al mantenimento degli standard igienici, in monoporzione sigillata.
Le fasi di imbarco e sbarco dall’aeromobile debbono avvenire in modo ordinato, per file, mantenendo la distanza interpersonale di un metro e seguendo le indicazioni del personale di cabina.

Come sale sterili

Gli aeromobili vengono sanificati con prodotti ad alto potere igienizzante. Alitalia fa riferimento all’utilizzo di filtri HEPA e alla circolazione verticale, dichiarando che l’aria a bordo è portata pura al 99.7%, come in una sala sterile.

Modifiche e prenotazioni Alitalia

Se si ha un volo entro il 30 giugno, Alitalia ha comunicato la possibilità per i clienti dii modificare gratuitamente la prenotazione o richiedere un voucher valido 1 anno pari all’importo del biglietto. Si ha tempo fino al 31 agosto chiamando il Customer Center.

Coronavirus a parte, non dimentichiamo che Alitalia sta intanto sopravvivendo ad un’altra emergenza, quella prettamente economica. Il Governo sta lavorando anche su questo aspetto. Ma prima che possano concretizzarsi acquisizioni o assorbimenti in discussione, è assai probabilmente saranno previsti altri aiuti statali per la compagnia di bandiera. Nel qual caso però, questa volta si potrebbe vedere la richiesta da parte dello Stato di entrare nel Consiglio di Amministrazione dell’azienda con un nucleo di vigilanza.

Calderone.News | Redazione | Chiara Stella

Aeroporto, Hub Alitalia

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Maggio 2020

    […] disposizioni di sicurezza. Da quelle che limitano il flusso di persone negli ambienti, fino alle norme igienico-sanitarie, per i lavoratori e per la […]

Rispondi