Agenda 2030: Italia e Lombardia non abbastanza in tema ambientale

Tra il 1990 e il 2012 si è registrato un aumento di più del 50% delle emissioni di anidride carbonica (CO2). Quanto sta facendo l’Europa e quanto sta facendo l’Italia nel campo della sostenibilità ambientale?

Nel 2015 è stata adottata una risoluzione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite la quale creava la cosiddetta Agenda 2030. Vennero stabiliti 17 obiettivi che i paesi ONU avrebbero dovuto raggiungere entro il 2030 tra cui si ricorda l’obiettivo 11, che mirava alla riduzione pro capite dell’inquinamento delle aree urbani puntando ad un miglioramento sostenibile dell’aria e al potenziamento nella gestione dei rifiuti, e l’obiettivo 13 che aveva invece lo scopo di spingere gli stati ad integrare le politiche di protezione ambientale nelle loro politiche nazionali e di cooperare reciprocamente nelle sfide che avrebbero dovuto affrontare.

A livello Europeo si è tentato di risolvere la sfida dei cambiamenti climatici creando il famoso Green Deal Europeo, ossia una strategia capace di trasformare l’Europa in una grande economia moderna.

Tra gli obiettivi troviamo:

  • l’annullamento entro il 2050 delle emissioni nette di gas ad effetto serra;
  • la possibilità di realizzare per gli stati crescita economica dissociandola dall’uso delle risorse;
  • non trascurare nessuna persona e nessun luogo.

Purtroppo l’Italia ha ancora molta strada da fare prima di arrivare a soddisfare pienamente tutti gli obiettivi predisposti dall’Agenda 2030.

È interessante notare l’azione della regione Lombardia che, puntando alla veloce riduzione di emissione di CO2, ha imposto ai propri cittadini dei limiti alla circolazione nelle cosiddette ZTL (zone a traffico limitato). Tendenza, questa, che si prevede diverrà sempre più stringente. Gli unici veicoli che potranno circolare saranno quelli a basso inquinamento: si spinge così il cittadino a scelte più responsabili ed ecologici come il trasporto pubblico o il metano/gpl.

Alcuni imprenditori in lombardia hanno ampliato la propria sfera di servizi dedicando tempo ed energie al gpl ed ai veicoli ad energia alternativa. A Brescia, ad esempio, abbiamo uno dei migliori installatori di impianti Metano e Gpl: Azzolina. In quale ha perfino implementato un calcolatore di risparmio per mostrare ai propri clienti in quanto tempo viene ammortizzato il costo dell’impianto gpl dal risparmio sul carburante.

Nel documento del 25 settembre del 2015 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si legge:

“Siamo determinati a proteggere il pianeta dalla degradazione, attraverso un consumo ed una produzione consapevoli, gestendo le sue risorse naturali in maniera sostenibile e adottando misure urgenti riguardo il cambiamento climatico, in modo che esso possa soddisfare i bisogni delle generazioni presenti e di quelle future”.

Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Se si indirizzassero le politiche di protezione ambientale alle città italiane, si velocizzerebbe il processo di soddisfacimento degli obiettivi dell’Agenda.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *