Milano: area B e C sospese. E i parcheggi sono gratis

Team Calderone News

Redazione che si occupa della maggior parte degli articoli della testata. Appassionati della realtà Milanese, presenti su tutta la Lombardia

Telecamere spente in area B e C. Si può circolare e parcheggiare ovunque in città senza pagare e senza pericolo si sanzioni. Ma bisogna uscire di casa solo per motivi improrogabili.

Varchi aperti e sosta libera

Il sindaco Beppe Sala ha firmato un’ordinanza che consente di superare i varchi della grande ZTL senza rischiare di prendersi una multa. “Nel rispetto delle disposizioni finalizzate al contenimento del Coronavirus, il Comune di Milano sospende Area B, Area C. Inoltre concede sosta libera e gratuita negli spazi delimitati dalle strisce gialle e blu, anche negli spazi di sosta riservati ai mercati comunali scoperti”.

Infatti in questi giorni di emergenza, oltre negli spazi di sosta a pagamento è autorizzata anche la sosta libera negli spazi riservati ai residenti. Un respiro di sollievo per tutti gli operatori sanitari costretti a transitare per la città con i propri mezzi, vista la scarsità di quelli pubblici. Portroppo, prima del decreto erano costretti anche pagare le soste a causa delle 12/15 ore di servizio giornaliero.

Per circolare serve la nuova autocertificazione

Naturalmente l’ordinanza è valida per tutti. Chiunque può avere necessità di uscire, anche se solo ed esclusivamente per urgenze, per motivi di lavoro o di salute. Basta essere pronti ad esibire l’ormai famosa autocertificazione che giustifica il motivo dell’uscita. Ma ATTENZIONE è necessario essere in possesso della nuova autocertificazione che è possibile scaricare qui.

Il nuovo modello di autocertificazione da utilizzare in caso di spostamenti, contiene una nuova voce con la quale l’interessato deve autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall’art. 1, comma 1, lett. c) del D.P.C.M. 8 marzo 2020 che reca un divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus “COVID-19.

Liberi anche i parcheggi dei mercati scoperti

Le forze dell’ordine, in caso di controllo, verificheranno che gli spostamenti siano riconducibili alle tre tipologie previste. Ricordiamo che le motivazioni adducibili sono: comprovate esigenze di lavoro, situazioni di necessità, motivi di salute. Il nuovo modello prevede anche che l’operatore di polizia controfirmi l’ autocertificazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall’onere di allegare all’autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità.

La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti è quella prevista in via generale dall’articolo 650 del codice penale. Nello specifico: inosservanza di un provvedimento di un’autorità: pena prevista arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino 206 euro. Salvo che non si possa configurare un’ipotesi più grave quale quella prevista dall’articolo 452 del Codice penale (delitti colposi contro la salute pubblica che persegue tutte le condotte idonee a produrre un pericolo per la salute pubblica).

Libero parcheggio anche sugli spazi riservati ai mercati comunali scoperti, che sono sospesi fino a cessata emergenza Coronavirus. Invece le corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici o ai pedoni sono comunque attive, per cui non sarà possibile accedervi senza regolare permesso.

Caledone.news – La redazione

Team Calderone News

Redazione che si occupa della maggior parte degli articoli della testata. Appassionati della realtà Milanese, presenti su tutta la Lombardia

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi